ULTIMI AGGIORNAMENTI:

A. ROSSELLI, B. PAMPALONI – Il Ventennio in celluloide

© Edizioni Settimo Sigillo

La copertina

La copertina

Con questo saggio non si è preteso fare della critica cinematografica.
Lo scopo di questa pubblicazione, a carattere prettamente divulgativo, è infatti storiografico e tecnico al tempo stesso. Si tratta di un lavoro il cui obiettivo è quello di rivisitare tutte le fasi della cinematografia italiana del periodo fascista attraverso l’evolversi politico, sociale ed economico di una nazione colta in una fase particolare della sua storia, e mediante analisi comparative con la cinematografia di alcuni altri paesi europei, in particolare la Germania e, per quanto concerne la R.S.I., la Francia sotto l’occupazione tedesca e quella di Vichy. Il testo è stato volutamente ripartito in due sezioni distinte: la prima incentrata sulla descrizione e sul divenire cronologico dell’industria e delle tipologie produttive italiane del periodo trattato e la seconda dedicata specificatamente ai criteri operativi, ai mezzi e alle innovazioni tecnologiche utilizzati per la realizzazione delle suddette opere.

Gli Autori:
ALBERTO ROSSELLI, genovese, giornalista e saggista storico, collabora da tempo con diversi quotidiani e periodici nazionali ed esteri e con svariati siti internet tematici. Come studioso di storia moderna, contemporanea e militare ha al suo attivo diversi saggi tra cui Québec 1759, Il Conflitto anglo-francese in Nord America 1756-1763 (tradotto anche in lingua inglese), Il Tramonto della Mezzaluna – L’Impero Ottomano nella Prima Guerra Mondiale, La resistenza antisovietica e anticomunista in Europa Orientale 1944-1956 e L’Ultima Colonia – la guerra coloniale in Africa Orientale Tedesca 1914 – 1918. Dopo una prima fase di ricerche incentrate sulla storia nordamericana del XVIII secolo, in questi ultimi anni Rosselli ha dedicato gran parte dei suoi studi alla storia politica, diplomatica e militare slava, balcanica, mediorientale – con particolare riferimento al periodo ottomano e contemporaneo – e africana.
BRUNO PAMPALONI, genovese, 46 anni vive e lavora a Milano. Studioso di cinema e tecniche cinematografiche, in passato si è impegnato nella stesura di testi tematici, lavorando anche in televisione in qualità di autore e regista. Oltre a Il ventennio in celluloide ha già al suo attivo una raccolta di racconti e nel 2005 ha già pubblicato il romanzo Li vuoi tutti morti.

About admin

Inserisci un commento

Scroll To Top