ULTIMI AGGIORNAMENTI:

Archivio della categoria: I Discorsi

Abbonati ai Feed

I discorsi del Duce

Il Duce parla da Radio Monaco

Il Duce durante un pausa dei suoi discorsi

Da Monaco di Baviera, dove è stato condotto dopo la liberazione del Gran Sasso, il Duce torna a parlare agli italiani. Lo fa da Radio Monaco: la voce non è quella forte e vibrante di un tempo ma quella debole di un uomo malato e provato fisicamente ma soprattutto moralmente. Questo discorso segna la nascita della Repubblica Sociale Italiana. E’ ... Continua a leggere »

La Dichiarazione di Guerra del 10 Giugno 1940

dichiarazioneguerra10giugno1940

In una piazza Venezia gremita di folla entusiasta prende vita il discorso più importante del Duce: quello senza il quale ancora oggi sarebbe venerato da gran parte del popolo italiano. Inizia in quel giorno, il 10 giugno del 1940, la fine del Fascismo. E’ il discorso con cui l’Italia scende in campo nella seconda guerra mondiale. Roma, 10 Giugno 1940 ... Continua a leggere »

La questione dei Sudeti

Il Duce durante un pausa dei suoi discorsi

Siamo a pochi giorni dal congresso di Monaco in cui Mussolini salverà o almeno ritarderà, attraverso la sua mediazione, lo scoppiare della guerra in Europa. Quello di cui parla il Duce nell’ultimo dei suoi discorsi in Veneto del 1938 è il problema cecoslovacco con la cosiddetta questione dei Sudeti nella quale si manifestò l’impotenza dell’azione di Francia e Gran Bretagna ... Continua a leggere »

La fondazione di Aprilia

Il Duce durante un pausa dei suoi discorsi

L’anno XVI dell’Era fascista si apre subito il 29 ottobre con l’inaugurazione di Aprilia, una nuova città strappata alle paludi e rientrante nel progetto di bonifica dell’Agro-Pontino. Alla sua inaugurazione non poteva mancare colui che vi posò la prima pietra: Il Duce. Aprilia, 29 Ottobre 1937 Camerati Contadini! Io comincio il mio discorso col rivolgervi una domanda: la vostra memoria ... Continua a leggere »

Proclamazione dell’Impero Fascista

Il Duce durante un pausa dei suoi discorsi

Roma – 9 Maggio 1936 Ufficiali! Sottufficiali! Gregari di tutte le Forze Armate dello Stato, in Africa e in Italia! Camicie nere della rivoluzione! Italiani e italiane in patria e nel mondo! Ascoltate! Con le decisioni che fra pochi istanti conoscerete e che furono acclamate dal Gran Consiglio del fascismo, un grande evento si compie: viene suggellato il destino dell’Etiopia, ... Continua a leggere »

Discorso all’inaugurazione di Littoria (Latina)

Il Duce durante un pausa dei suoi discorsi

Littoria, l’odierna Latina fu fondata proprio durante il regime fascista sui territori laziali bonificati. Il comune di Latina viene inaugurato proprio da Benito Mussolini il 18 ottobre 1932 con il seguente discorso che tiene davanti alla futura popolazione della città laziale. Littoria – 18 Ottobre 1932 Oggi è una grande giornata per la rivoluzione delle camicie nere, è una giornata ... Continua a leggere »

I Discorsi del Decennale – Anno 1932

Il Duce durante un pausa dei suoi discorsi

Il decennale rappresentò per il fascismo una grande occasione propagandistica. Le manifestazioni si susseguirono e la presenza di Mussolini nelle piazze d’Italia si moltiplicò. Qui vi presentiamo una selezione dei discorsi del duce. Tra di essi particolare rilievo assume il discorso pronunciato a Torino, al Lingotto, alla presenza del senatore Giovanni Agnelli. Torino – 23 Ottobre 1932 Camicie nere, popolo ... Continua a leggere »

Discorso all’inaugurazione monumento ad Anita Garibaldi

Il Duce durante un pausa dei suoi discorsi

Roma – 30 Maggio 1932 Il mito di Garibaldi fu fatto proprio dal fascismo che propose una linea di continuità tra camicie rosse e camicie nere. Questo il tema trattato da Mussolini in questo discorso pronunciato al Granicolo in occasione dello scoprimento del monumento ad Anita, nel cinquantenario della morte dell’eroe dei due mondi. Il governo fascista ha voluto dedicare ... Continua a leggere »

Discorsi ai Fascisti di Roma e Napoli 1931

Il Duce durante un pausa dei suoi discorsi

Roma – 6 Settembre 1931 “Voi meritate il mio elogio. Da un punto all’altro d’Italia avete marciato rapidamente con il vostro stile e in ordine perfetto. Vi siete presentati e avete sfilato in modo superbo. Con lo stesso ordine riguadagnerete le vostre sedi, portando nel cuore il ricordo incancellabile di questa trionfale vostra giornata romana. (applausi). Vi ho chiamati fasci ... Continua a leggere »

Scroll To Top