::.. Pagina Iniziale ..::
- L'Editoriale del mese
- Scrivi al Direttore
:: Benito Mussolini ::
- Introduzione- Biografia- Fotografie- Discorsi- Video- L'ultima intervista- La Morte del Duce- Il Testamento:: Il Fascismo ::- Introduzione- La Storia del Fascismo- Dottrina- I Programmi- I Personaggi- Frasi e Motti- La Propaganda- Il Confino- Storia II° Guerra Mondiale- Gli Speciali sul Fascismo- La Tragedia delle Foibe- Scritti da voi:: Area Download ::- Mp3 Canti Fascisti- Sfondi e Suonerie- Calendario Duce:: Area Interattiva ::- Benito Mussolini Forum- Chat Ilduce.net- Newsletter- Collabora al sito- I nostri sondaggi:: Altre Sezioni ::- Le nostre Recensioni- Il Pensiero di Dagonavy- Esclusive Ilduce.net- Parlano di noi- Eventi- Chi Siamo- Siti Amici


"...finché la mia stella brillò, io bastavo per tutti; ora che si spegne, tutti non basterebbero per me. Io andrò dove il destino mi vorrà, perché ho fatto quello che il destino mi dettò.."
- - - -

"I fascisti che rimarranno fedeli ai principi, dovranno essere dei cittadini esemplari. Essi dovranno rispettare le leggi che il popolo vorrà darsi e cooperare lealmente con le autorità legittimamente costituite per aiutarle a rimarginare, nel più breve tempo possibile, le ferite della Patria"
- - - -
"..Stalin è seduto sopra una montagna di ossa umane. E' male? Io non mi pento di aver fatto tutto il bene che ho potuto anche agli avversari, anche ai nemici, che complottavano contro la mia vita"

  Pagina Iniziale  Preferiti  Forum

 

 Fai conoscere Ilduce.net ai visitatori del tuo blog o del tuo sito. Scarica i nostri loghi e banner e diffondili sul tuo sito e/o blog.

 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Indice D-I

 

Divina Patria

Un giorno il tambur
lontano rullerà 
e le trombe squillino, 
trillino, chiamino. 
Se poi come un tuon e
cheggerà il cannon 
ci troverà ben pronti
per marciar. 

Patria nostra tu, divina Patria 
sei più preziosa della nostra vita. 
Noi darem per te 
con un sorriso sulle labbra 
come un dono il nostro ben.
Patria nostra tu, divina Patria
se chiami all'armi correremo uniti. 

Premio non vogliam 
con un sorriso "a noi" premio sarà. 
E' bello morir 
la Patria per salvar
la bandiera libera, 
palpiti, sventoli, 
sui monti e sui mar, 
è bello guerreggiar 
con dei fucili contro il nemico vil. 

Patria nostra tu, divina Patria 
sei più preziosa della nostra vita. 
Noi darem per te 
con un sorriso sulle labbra 
come un dono il nostro ben.
Patria nostra tu, divina Patria
se chiami all'armi correremo uniti. 

Duce A Noi!

Nell'Italia dei fascisti
anche i bimbi son guerrieri,
siam balilla o moschettieri del regime il baldo fior.

con il Duce qui sul petto,
fa da scudo al nostro affetto
e l'orgoglio accende in cuor.

L'occhio del duce brilla
vivo nei suoi balilla,
siam la scintilla
d'amor che un dì
dal suo cuore usci:
Sì, Sì.

Duce dei tuoi balilla
alta la fede squilla
più dolce nome del tuo non c'è
Duce, Duce per te!

Noi abbiamo un bel moschetto
e l'Italia ce lo diede, moschettieri
l'arma al piede
il destino a preparar.
Se Balilla aveva un sasso
noi scagliamo il nostro cuore
dei piccini maschio ardore,
vuol la Grande Italia fa...

L'occhio del duce brilla...

Duce Duce

Non disponibile

Faccetta Nera

Se tu dall'altipiano guardi il mare, 
Moretta che sei schiava fra gli schiavi, 
Vedrai come in un sogno tante navi 
E un tricolore sventolar per te. 

Faccetta nera, 
Bell'abissina 
Aspetta e spera 
Che già l'ora si avvicina! 
quando saremo 
Insieme a te, 
noi ti daremo 
Un'altra legge è un altro Re.

La legge nostra è schiavitù d'amore,
il nostro motto è LIBERTÀ e DOVERE, 
vendicheremo noi CAMICIE NERE, 
Gli eroi caduti liberando te! 

Faccetta nera, 
Bell'abissina 
Aspetta e spera
Che già l'ora si avvicina!
quando saremo
Insieme a te, 
noi ti daremo 
Un'altra legge è un altro Re. 

Faccetta nera, piccola abissina, 
ti porteremo a Roma, liberata. 
Dal sole nostro tu sarai baciata,
Sarai in Camicia Nera pure tu. 

Faccetta nera, 
Sarai Romana 
La tua bandiera 
sarà sol quella italiana! 
Noi marceremo
Insieme a te 
E sfileremo avanti al DUCE 
E avanti al Re!

Fischia il Sasso

Fischia il sasso, il nome squilla.
del ragazzo di Carbonia,
e l'intrepido Balilla
sta gigante nella Storia.
Era bronzo quel mortaio
che nel fango sprofondò
ma il ragazzo fu d'acciaio
e la Madre liberò.

Fiero l'occhio, svelto il passo
chiaro il grido del valore.
Ai nemici in fronte il sasso,
agli amici tutto il cuor.
Fiero l'occhio, svelto il passo
chiaro il viso del valore.
Ai nemici in fronte il sasso,
agli amici tutto il cuor.

Su lupatti, aquilotti!
come sardi tamburini
come siculi picciotti
bruni eroi garibaldini!
Vibra l'anima nel petto
sitibonda di virtù;
freme, Italia, il gagliardetto
e nei fremiti sei Tu!

Fiero l'occhio, svelto il passo...

Siamo nembi di semente,
siamo fiamme di coraggio:
per noi canta la sorgente,
per noi brilla e ride maggio.
Ma se un giorno
la battaglia
agli eroi si estenderà
noi saremo la mitraglia
della Santa Libertà.

Fiero l'occhio, svelto il passo...

Giovinezza

Salve o popolo di eroi,
salve o Patria immortale,
son rinati i figli tuoi
con la fede e l'ideale.
Il valor dei tuoi guerrieri
la vision dei tuoi pionieri
la vision dell'Alighieri
oggi brilla in tutti i cuor.
Giovinezza, Giovinezza, primavera di bellezza
nella vita e nell'asprezza, il tuo canto squilla e va.
E per Benito Mussolini, eja eja alalà.
E per la nostra Patria bella, eja eja alalà.
Dell'Italia nei confini
son rifatti gli Italiani,
li ha rifatti Mussolini
per la guerra di domani
Per la gioia del lavoro
per la pace e per l'alloro
per la gogna di coloro
che la Patria rinnegar.
Giovinezza, Giovinezza, primavera di bellezza
nella vita e nell'asprezza, il tuo canto squilla e va.
E per Benito Mussolini, eja eja alalà.
E per la nostra Patria bella, eja eja alalà.
I poeti e gli artigiani
i signori e i contadini,
con orgoglio di Italiani
giuran fede a Mussolini.
Non v'è povero quartiere
che non mandi le sue schiere,
che non spieghi le bandiere
del fascismo redentor.
Giovinezza, Giovinezza, primavera di bellezza
nella vita e nell'asprezza, il tuo canto squilla e va.
E per Benito Mussolini, eja eja alalà.
E per la nostra Patria bella, eja eja alalà.

Gira L'elica

E l’aviazione nostra sorella dopo di noi è la più bella,
E gira gira l’elica romba il motor siam paracadutisti si vince o si muor,
gente che non vuol niente che non ha voglia di lavorar,
scendiam giù dal cielo per fare l’amor,
posti nel cimitero per noi non ce n'è,
L’artiglieria arma pesante mira a ponente spara a levante,
E gira gira l’elica romba il motor siam paracadutisti si vince o si muor,
gente che non vuol niente che non ha voglia di lavorar,
Se atterriamo in un campo di spighe tutte le donne ci danno per fighe, 
E gira gira l’elica romba il motor siam paracadutisti si vince o si muor,
scendiam giù dal cielo per fare l’amor,
Paracadute disse Tapura se non si apre che il culo dura,
E gira gira l’elica romba il motor siam paracadutisti si vince o si muor,
posti nel cimitero per noi non ce n'è,
E l’aviazione nostra sorella dopo di noi è la più bella,
E gira gira l’elica romba il motor siam paracadutisti si vince o si muor,
gente che non vuol niente che non ha voglia di lavorar,
scendiam giù dal cielo per fare l’amor,
posti nel cimitero per noi non ce n'è,
L’artiglieria arma pesante mira a ponente spara a levante,
E gira gira l’elica romba il motor siam paracadutisti si vince o si muor,
gente che non vuol niente che non ha voglia di lavorar,
Se atterriamo in un campo di spighe tutte le donne ci danno per fighe, 
E gira gira l’elica romba il motor siam paracadutisti si vince o si muor,
scendiam giù dal cielo per fare l’amor,
Paracadute disse Tapura se non si apre che il culo dura,
E gira gira l’elica romba il motor siam paracadutisti si vince o si muor,
posti nel cimitero per noi non ce n'è...

Il Canto degli Arditi

Mamma non piangere se c'è l'avanzata,
tuo figlio è forte dall'assallto dei cuor 
asciuga il pianto della fidanzata, 
chè nell'assalto si vince o si muor. 

Avanti Ardito, le Fiamme Nere 
son come simbolo delle tue schiere
scavalca i monti, divora il piano
pugnal fra i denti, le bombe a mano. 

Fiamme Nere avanguardia di morte, 
siam vessillo di lotta e di orror, 
siamo l'orgoglio trasformato in coorte, 
per difender d'Italia l'onor. 

Avanti Ardito, le Fiamme Nere 
son come simbolo delle tue schiere
scavalca i monti, divora il piano
pugnal fra i denti, le bombe a mano. 

Una stella ci guida, la sorte, 
e ci avvincon tre fiamme d'amor,
tre parole di fede e di morte: 
il pugnale, la bomba ed il cuor. 

Avanti Ardito, le Fiamme Nere 
son come simbolo delle tue schiere
scavalca i monti, divora il piano
pugnal fra i denti, le bombe a mano. 

L'ardito è bello, l'ardito è forte! 
ama le donne, beve il buon vin; 
per le sue fiamma color di morte 
trema il nemico quando è vicin!

Avanti Ardito, le Fiamme Nere 
son come simbolo delle tue schiere
scavalca i monti, divora il piano
pugnal fra i denti, le bombe a mano. 

Quante volte fra tenebre folte, 
nella notte estraemmo il pugnal 
fra trincee e difese sconvolte 
dalla mischia cruenta e fatal! 

Avanti Ardito, le Fiamme Nere 
son come simbolo delle tue schiere
scavalca i monti, divora il piano
pugnal fra i denti, le bombe a mano.

Il Canto degli Italiani

Non disponibile

Il Piave

Il Piave mormorava calmo e placido al passagio
dei primi fanti il ventiquattro maggio;
l'esercito marciava per raggiunger la frontiera
per far contro il nemico una barriera !

Muti passaron quella notte i fanti,
tacere bisognava e andare avanti.

S'udiva intanto dalle amate sponde
sommesso e lieve il tripudiar de l'onde.
Era un presagio dolce e lusinghiero
il Piave mormorò: Non passa lo straniero !

Ma in una notte triste si parlò di un fosco evento
e il Piave udiva l'ira e lo sgomento.
Ahi quanta gente ha visto venir giù, lasciare il tetto,
poichè il nemico irruppe a Caporetto.

Profughi ovunque dai lontani monti,
venivan a gremir tutti i suoi ponti.

S'udiva allor dalle violate sponde
sommesso e triste il mormorio dell'onde.
Come in un singhiozzo in quell'autunno nero
il Piave mormorò: Ritorna lo straniero !

E ritornò il nemico per l'orgoglio e per la fame
volea sfogare tutte le sue brame,
vedeva il piano aprico di lassù: voleva ancora
sfamarsi e tripudiare come allora !

No, disse il Piave, no, dissero i fanti,
mai più il nemico faccia un passo avanti !

Si vide il Piave rigonfiar le sponde
e come i fanti combattevan l'onde.
Rosso del sangue del nemico altero,
il Piave comandò: Indietro va, o straniero !

Indietreggiò il nemico fino a Trieste fino a Trento
e la Vittoria sciolse l'ali al vento !
Fu sacro il patto antico e tra le schiere furon visti
risorgere Oberdan, Sauro e Battisti !

Infranse alfin l'italico valore
le forche e l'armi dell'Impiccatore.

Sicure l'Alpi, libere le sponde,
e tacque il Piave, si placaron l'onde.
Sul patrio suolo vinti i torvi Imperi,
la Pace non trovò nè oppressi, nè stranieri.

Il ritorno del Volontario

Mamma ritorna ancora alla casetta
sulla montagna che mi fu Natale
son pien di gloria amata mia vecchietta
ho combattuto in Africa Orientale.
Asciuga il dolce pianto
ripeti al mondo intero
che il figlio tuo sincero
ha vinto e lotta ancor.

Italia va, con la tua giovinezza
per la maggior grandezza
il Duce sempre a vegliar sarà...
Veglierà il re, gloriosa Patria bella
tu sei la viva stella
che il Duce al Mondo ridonerà

Nella valigia t'ho portato un fiore
io lo raccolsi in mezzo alla battaglia
il suo profumo aspira con amore
se crepitasse ancora la mitraglia.
Bagnato è tutto intorno
del sangue d'un guerriero
che per crear l'Impero
vince e lotta ancor.

Italia va, con la tua giovinezza
per la maggior grandezza
il Duce sempre a vegliar sarà...
Veglierà il re, gloriosa Patria bella
tu sei la viva stella
che il Duce al Mondo ridonerà

Il Testamento del Capitano

Il Capitano della compagnia
si l’è ferito e sta per morir..!
E manda a dire ai suoi Alpini
perché lo vengano a ritrovar.
I suoi Alpini ghe manda a dire
che non han scarpe per camminar…
"O con le scarpe o senza scarpe
i miei Alpini li voglio qua …
" Cosa comanda, sior Capitano
che noi adesso semo arrivà …"
E io comando che il mio corpo
in cinque pezzi sia taglià:
il primo pezzo a mia Patria
Il secondo pezzo al Battaglion
Il terzo pezzo alla mia mamma
che si ricordi del suo figliol !
Il quarto pezzo alla mia bella
che si ricordi del suo primo amor!
L’ultimo pezzo alle montagne
che lo fioriscano di rose e fior…!

Inno a Roma

Roma divina, a Te sul Campidoglio 
dove eterno verdeggia il sacro alloro, 
a Te nostra fortezza e nostro orgoglio, 
ascende il coro. 

Salve Dea Roma! Ti sfavilla in fronte 
il Sol che nasce sulla nuova storia; 
fulgida in arme, all'ultimo orizzonte 
sta la Vittoria. 

Sole che sorgi libero e giocondo 
sul colle nostro i tuoi cavalli doma; 
tu non vedrai nessuna cosa al mondo 
Maggior di Roma 

Per tutto il cielo è un volo di bandiere 
e la pace del mondo oggi è latina: 
il tricolore canta sul cantiere, 
su l'officina. 

Madre che doni ai popoli la legge 
eterna e pura come il Sol che nasce, 
benedici l'aratro antico e il gregge 
folto che pasce! 

Sole che sorgi libero e giocondo 
sul colle nostro i tuoi cavalli doma; 
tu non vedrai nessuna cosa al mondo 
Maggior di Roma 

Benedici il riposo e la fatica 
che si rinnova per virtù d'amore,
la giovinezza florida e l'antica 
età che muore. 

Madre di uomini e di lanosi armenti, 
d'opere schiette e di penose scuole, 
tornano alle tue case i reggimenti 
e sorge il sole. 

Sole che sorgi libero e giocondo 
sul colle nostro i tuoi cavalli doma; 
tu non vedrai nessuna cosa al mondo 
Maggior di Roma.

Inno dei Carristi

Col carrarmato noi facciam la guerra
strumento che conosce sol vittoria
che perder fa al nemico la sua boria
che appena appena lo sente avanzar
Col carrarmato noi facciam la guerra
compagine noi siamo d’ardimento
che sorridendo affronta ogni cimento
che se ne frega se poi dovrà morir.

Baldo carrista
lancia al vento del tuo cuore la canzone
nell’impeto di fede e di passione
per la tua Patria, per il Re, per il tuo Duce.
Se canta il cuore
l’accompagna col suo ritmo anche il motore
e dice a chi lo guida nel silenzio:
“Demone rosso, avanti!
Tu sei fra tutti quanti il re dell’ardimento!”

Inno dei Giovani Fascisti

Fuoco di Vesta che fuor dal tempio
 irrompe con ali e fiamme la giovinezza va.
Fiaccole ardenti sull'are e sulle tombe 
noi siamo le speranze della nuova età.

Duce, Duce chi non saprà morir ?
 il giuramento chi mai rinnegherà?

Snuda la spada! 
Quando tu lo vuoi, gagliardetti al vento, 
tutti verremo a Te!

Armi e bandiere 
degli antichi eroi per l'Italia, 
o Duce fa balenare al sol!

Va, la vita va 
con sè ci porta e ci promette l'avvenir.

Una maschia gioventù con 
romana volontà combatterà.

Verrà, quel dì verrà 
che la gran madre degli eroi 
ci chiamerà.

Per il Duce, 
o Patria, per il Re a noi! 
Ti darem gloria 
e impero in oltre mar.

Inno degli Universitari Fascisti

Siamo fiaccole di vita,
siamo l'eterna gioventù
che conquista l'avvenir
di ferro armata e di pensier.

Per le vie del nuovo Impero
che si dilungano nel mar,
marceremo come il Duce vuole,
dove Roma già passò.

Bocche di porpora ridenti,
date amor, date amor,
e noi domani a tutti i venti
daremo il tricolor.

O nude stanze,
fredde, squallide nell'ora di studiar,
dove speranze,
sogni, canti pur ci vengono a trovar,

a noi veglianti
sui volumi d'ogni scienza e d'ogni età,
il dover gridi: "Per l'Italia e per il Duce
eja, eja, eja, alalà!"

INNO DELLA VECCHIA GUARDIA

Del Fascismo noi siamo
 gli squadristi e lo gridiamo,
non temiam neppur la morte
 per l’Italia bella e forte.
Lo giuriamo con fermezza
e cantando “Giovinezza”
di morire per il Duce,
 che all’Impero dette luce.
 
Vecchia Guardia sempre “A Noi”, nostro grido di battaglia,
se il Duce grida “A Noi” piglieremo la mitraglia.
Tutti uniti noi saremo e diritto tireremo,
scriveremo nella storia molte pagine di gloria.
 
“Me ne frego” noi gridiamo,
col pugnale nella mano.
Puniremo il traditore
 del Fascismo redentore.
Tutti siam per il cimento,
con le fiamme alzate al vento.
È lo spirito dei morti,
 che ci guida e ci tien forti.
 
Vecchia Guardia sempre “A Noi”, nostro grido di battaglia,
se il Duce grida “A Noi” piglieremo la mitraglia.
Tutti uniti noi saremo e diritto tireremo,
scriveremo nella storia molte pagine di gloria.

 

INNO DELLA Xª FLOTTIGLIA MAS

Quando pareva vinta Roma antica sorse invitta la decima legione
vinse sul campo il barbaro nemico Roma riebbe pace con onore.

Quando l'ignobile otto di settembre abbandonò la patria al traditore
sorse dal mare la decima flottiglia e prese l'aria al grido dell'onore.

Decima flottiglia nostra che beffasti l'Inghilterra
vittoriosa ad Alessandria Malta Sudan e Gibilterra
vittoriosa già sul mare ora pure sulla terra vincerai.

Navi Italia che ci foste tolte non in battaglia ma col tradimento
nostri fratelli prigionieri o morti noi vi facciamo questo giuramento.

Noi vi giuriamo che ritorneremo li dove Dio volle il tricolore
noi vi giuriamo che combatteremo fin quando avremo pace con onore .

[Duce] [Fascismo] [Forum] [Chat] [Newsletter] [Scrivici] [Sfondi e Suonerie]
[
Storia] [Frasi e Motti] [Chi Siamo] [Personaggi] [Siti Amici] [Recensioni] [Sostieni Ilduce.net]


Copyright © 2001 - 2008 Giuseppe Minnella - Contatti: Info@ilduce.net -

Dichiarazione ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n. 62.
Questo sito non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare".
Gli aggiornamenti consistono in migliorie/approfondimenti a quanto già pubblicato