ULTIMI AGGIORNAMENTI:

JAMES LUCAS – Gli ultimi giorni del Reich

© Hobby & Work Italiana Editrice

La copertina

La copertina

Gli ultimi giorni del terzo Reich è una dettagliata ricostruzione degli ultimi, terribili giorni della seconda guerra mondiale. Siamo ormai all’epilogo di una lunghissima e straziante guerra durata sei interminabili anni e costata la vita a decine di milioni di persone. Le truppe tedesche stanno velocemente capitolando su tutti i fronti di guerra sotto i colpi di un nemico molto più forte; i loro alleati ormai allo stremo si arrendono sotto i colpi dell’artiglieria nemica giorno per giorno.
Gli ultimi giorni del terzo Reich più che uno dei soliti romanzi è un saggio che oltre gli avvenimenti sui vari fronti all’inizio del 1945 si sofferma molto dettagliatamente sui giorni dall’ 1 al 9 maggio ’45, quando a guerra ormai finita (almeno in Europa) l’armata rossa conquista Berlino e la Germania firma la resa.
Il Nazismo è finito dopo un decennio e più di dittatura; il suo padre Adolf Hitler è morto suicida due giorni dopo Mussolini nel suo bunker sotterraneo a Berlino con la sua donna Eva Braun. L’incubo sembra finito ma non è così per il popolo germanico.
L’autore si ferma a narrare nei minimi particolari la brutale repressione subita dalla popolazione civile tedesca nelle settimane successive all’invasione anche per mezzo di testimonianze di chi in quei giorni non abitava solo ed esclusivamente in Germania ma anche in Austria, Jugoslavia, Italia. Le truppe dell’Armata Rossa infatti fanno razzia di tuttociò che trovano sul loro cammino e si stima che oltre un milione furono le donne tedesche stuprate e violentate da orde di soldati inferociti. Ecco che il nemico, poi diventato liberatore, diventa il demone per un popolo che porterà le conseguenze di questo eccidio segnate sulla propria pelle fino a quel 1989 quando cadde il muro di Berlino.
La caduta del regime Nazista e Fascista in teoria dovevano portare nel mondo una nuova aria di pace invece a causa di un altro regime dittatoriale e sanguinario di cui spesso si dimentica l’esistenza si arrivò brevemente alla guerra fredda.

Recensione curata per Ilduce.net da: Mario Fortunato

About admin

Inserisci un commento

Scroll To Top