::.. Pagina Iniziale ..::
- L'Editoriale del mese
- Scrivi al Direttore
:: Benito Mussolini ::
- Introduzione- Biografia- Fotografie- Discorsi- Video- L'ultima intervista- La Morte del Duce- Il Testamento:: Il Fascismo ::- Introduzione- La Storia del Fascismo- Dottrina- I Programmi- I Personaggi- Frasi e Motti- La Propaganda- Il Confino- Storia II° Guerra Mondiale- Gli Speciali sul Fascismo- La Tragedia delle Foibe- Scritti da voi:: Area Download ::- Mp3 Canti Fascisti- Sfondi e Suonerie- Calendario Duce:: Area Interattiva ::- Benito Mussolini Forum- Chat Ilduce.net- Newsletter- Collabora al sito- I nostri sondaggi:: Altre Sezioni ::- Le nostre Recensioni- Il Pensiero di Dagonavy- Esclusive Ilduce.net- Parlano di noi- Eventi- Chi Siamo- Siti Amici


"...finché la mia stella brillò, io bastavo per tutti; ora che si spegne, tutti non basterebbero per me. Io andrò dove il destino mi vorrà, perché ho fatto quello che il destino mi dettò.."
- - - -

"I fascisti che rimarranno fedeli ai principi, dovranno essere dei cittadini esemplari. Essi dovranno rispettare le leggi che il popolo vorrà darsi e cooperare lealmente con le autorità legittimamente costituite per aiutarle a rimarginare, nel più breve tempo possibile, le ferite della Patria"
- - - -
"..Stalin è seduto sopra una montagna di ossa umane. E' male? Io non mi pento di aver fatto tutto il bene che ho potuto anche agli avversari, anche ai nemici, che complottavano contro la mia vita"

  Pagina Iniziale  Preferiti  Forum

 

 Fai conoscere Ilduce.net ai visitatori del tuo blog o del tuo sito. Scarica i nostri loghi e banner e diffondili.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

UNA SPIA CHIAMATA
CLARETTA
su STORIA IN RETE i veri retroscena del rapporto Mussolini-Petacci

 

di Fabio Andriola

E’ oscura e ambigua l’altra faccia di Claretta Petacci, la donna che per amore volle seguire Mussolini fini all’ultimo, fino alla tragica morte. La donna infatti, sia durante gli ultimi anni del Regime sia nei mesi della RSI, ebbe un ruolo molto lontano da quello dell’iconografia dominante che la vuole ciecamente innamorata e basta. La Storia invece racconta altro: racconta di una Claretta intrigante, interessata agli affari di Stato, pedina più o meno consapevole di alcuni gerarchi e dei tedeschi ma anche del fratello Marcello e, negli ultimi tempi, dei servizi segreti alleati. Lo stesso Mussolini ordinò la perquisizione della sua casa sul Lago di Garda, l’8 ottobre 1944, alla ricerca di copie di sue lettere che la donna passava regolarmente ai tedeschi. E quelle lettere, già copiate, vennero trovate. Così come, poche settimane dopo, vennero fuori altre carte compromettenti per la donna durante un’irruzione, a metà tra la pochade e la tragedia, effettuata sempre da Donna Rachele Mussolini, la moglie del Duce. Di questi fatti si occupa il servizio di copertina dell’ultimo numero del mensile «Storia In Rete» in edicola.
Il giornale anticipa alcuni passi del nuovo libro di Fabio Andriola («Carteggio Segreto Churchill-Mussolini», Sugarco) che dedica alla Petacci un capitolo in cui si analizzano le varie prove e testimonianze che fanno di Claretta un personaggio chiave nella vicenda del carteggio Mussolini-Churchill, vicenda di cui il libro di Andriola ricostruisce tutti i dettagli, inserendo quel segreto scambio di accordi tra Roma e Londra nella primavera del 1940 nel fitto panorama di episodi di diplomazia parallela verificatisi nel corso della Seconda guerra mondiale.


Como, 25 aprile sera. Lasciata Milano alla volta della Valtellina, Mussolini si fermò alcune ore alla Prefettura di Como. Lì lo raggiunse la notizia che il camioncino che portava numerosi e importanti documenti ed effetti personali, benché regolarmente partito da Milano, non era mai arrivato a Como. Nella Prefettura comasca ci sono molte persone: numerosi sono infatti i gerarchi e i ministri al seguito di Mussolini che viaggiano con le famiglie. Anche il ministro della Cultura Popolare Fernando Mezzasoma è accompagnato dalla moglie Anna, che in un angolo, accanto alla moglie del ministro degli Interni Paolo Zerbino, osserva «i movimenti dei nostri mariti che escono ed entrano nella stanza del Duce». La notizia che si sono perse le tracce del camioncino aumenta la concitazione e, con lei, esplodono rancori e contraddizioni rimaste sopite per tutti i lunghi mesi della RSI. E’ infatti in quel frangente, mentre il capo della segreteria di Mussolini, il prefetto Luigi Gatti, e l’aiutante del Duce, il colonnello Vito Casalinuovo, partono alla ricerca del camioncino, che Zerbino sbotta: «Secondo Zerbino – ricorda una stupefatta Anna Mezzasoma – il “camioncino è stato consegnato dalla Petacci al generale Wolf”. La frase mi suona misteriosa e priva di senso». E invece, Zerbino, non a caso ministro degli Interni – e in quanto tale conoscitore di molti retroscena – oltre che uomo di fiducia dell’ultimo Mussolini, aveva più di una ragione per pronunciare quelle parole.

Quello che sfuggiva alla moglie del ministro Mezzasoma era ben chiaro a molti uomini di vertice della RSI: Claretta Petacci, l’amante storica di Mussolini, era un vero pericolo. E con lei la sua famiglia: il padre, il professor Francesco Saverio, la madre, Giuseppina, la sorella, Myriam, e soprattutto il fratello maggiore, Marcello. La storia del «clan Petacci» non è stata ancora fatta nel senso che l’attenzione che la figura di Claretta ha focalizzato su di se da sempre ha sviato la curiosità dalle personalità e soprattutto dalle attività di altri membri della sua famiglia. Attività che dovevano essere ben note soprattutto nei mesi della RSI e che non dovevano riscuotere il plauso dei vertici repubblicani visto l’atteggiamento riservato a Marcello Petacci sulla piazza di Dongo dai 15 membri della colonna Mussolini che i partigiani guidati dal Colonnello Valerio si stavano apprestando a fucilare. Un membro del plotone di esecuzione, «Dick» cioè Oreste Alpeggiani, ha raccontato così la scena: «Quando li vidi allineati al parapetto del lungo lago, scortato da due partigiani giunse Marcello Petacci, fatto portare da Valerio. L’uomo, privo delle scarpe, si lagnava di essere scambiato per Vittorio Mussolini e chiedeva ai gerarchi di riconoscerlo davanti a tutti. Cosa che fecero per poi iniziare una cagnara di proteste perché lo dicevano un traditore non degno di morire con loro. Pavolini e Barracu erano i più accesi nella protesta». Impossibile separare, nel ruolo “politico” oltre che nella considerazione dei gerarchi, la figura di Marcello da quella di Claretta e non solo perché il primo evidentemente operava sfruttando il ruolo della sorella. Su entrambi pesava infatti il sospetto di collusioni con servizi segreti stranieri: i tedeschi per la donna, forse gli inglesi per Marcello che comunque si era distinto nei traffici di frontiera con la Svizzera. E’ in virtù di questo, ma anche di altro come vedremo, che il tema del carteggio passa attraverso i Petacci. Un’evidenza che si è andata arricchendo di nuovi contorni nel corso degli anni ma che era tale già non molti anni dopo la fine della guerra. «La morte di Claretta - ha osservato Dino Campini, segretario del ministro Biggini - non ha dunque un senso se non alla luce del mistero della linea d'ombra, del segreto dei carteggi. La donna sapeva o poteva sapere e quindi doveva sparire. Non è logico pensare che uccidendola si sia voluto punirla per l’attaccamento a un uomo: sarebbe stupido anche per dei criminali. Dietro la morte di Claretta si sentono frusciare carte compromettenti, quelle di cui qualcosa poteva magari sapere».

Ormai, in qualche maniera, il giudizio che viene dato di Claretta Petacci, una giovane donna immolatasi per il suo amore verso Mussolini, può quindi essere corretto. Amore e sacrificio finale a parte, Claretta Petacci ha giocato sicuramente un ruolo tutt'altro che secondario nella storia segreta della RSI, arrivando a conoscere fatti di straordinaria importanza e rivelando, al tempo stesso, una scarsa propensione alla discrezione. Intorno a lei e al fratello si muoveva in continuazione una fitta schiera di agenti segreti e controllori: durante la RSI molti sospettavano la Petacci, più che di fiaccare lo spirito di Mussolini, di trescare con i tedeschi e con gli inglesi: «Il capo del servizio segreto della Repubblica, Apollonio - scrive Zanella - non esita a sorvegliare i rapporti tra Clara e i tedeschi facendo collocare un microfono in un lampadario di villa Mirabella: tale attività la porta avanti fino a quando, per ordine del Reich, come rappresaglia all’estromissione di Buffarini, viene spedito a Dachau». Nel dopoguerra Apollonio, confermò di non essersi sbagliato: «Che poi il Petacci, uomo ambizioso ed estremamente intrigante, fosse proprio in Svizzera in contatto con gli Alleati, si può solo supporre. Per quanto mi riguarda, sarei portato a non escluderlo per niente. E' assai probabile che attraverso lui (e attraverso Claretta che non capiva la gravità di ciò che le chiedeva di fare suo fratello) gli angloamericani controllassero di primissima mano il pensiero e le decisioni di Mussolini». Ed era lo stesso Mussolini però, a ben vedere, a non fidarsi troppo di questa donna ingombrante di cui aveva tentato più volte di liberarsi ma invano. Perché tanta debolezza in un uomo che in diversi periodi della propria vita non aveva esitato a troncare bruscamente lunghe relazioni, a volte nonostante la presenza di figli? Cosa aveva Claretta in più delle altre per poter contare sul fatto che, magari anche contro voglia, il Duce non l’avrebbe mai allontanata da se in modo definitivo? Non a caso, Franco Bandini ha parlato di un «triplice mistero» che circonderebbe la figura di Claretta: «Quello, tutto psicologico, del suo legame con Mussolini; l’altro, politico della sua influenza vera o presunta che lei e la sua famiglia ebbero sulle vicende del periodo che va dal 1934 al 1945; ed infine quello della sua morte, assieme all’uomo amato, in qualche luogo del basso Lago di Como». E, dopo aver parlato della scarsità e della incertezza di molte fonti e testimonianze, Bandini conclude che, ad ogni modo, tutto quello che oggi sappiamo non ci dice nulla circa il punto «maggiormente interessante per lo storico: e cioè del sentimento, variabile col tempo, che per lei Mussolini nutrì e per converso della reale influenza che Claretta ebbe, o poté illudersi di avere». Mussolini quindi non seppe, non volle o non poté mai liberarsi di Claretta. E tutto questo nonostante non si fidasse completamente di una donna che pure non aveva lesinato prove e parole di dedizione. Una fiducia la sua tutt’altro che incondizionata come testimonierebbero – sembra – numerosi e pressanti inviti a distruggere le lettere che le inviava nei mesi della RSI. Quelle lettere, insieme alle minute di quelle di lei e ai diari tenuti da Claretta per gran parte della sua vita, non sono ancora consultabili perché, con una decisione che ha destato più di uno stupore, fin dal 12 aprile 1956 la Corte di Cassazione ha stabilito che quelle carte dovevano restare in possesso dello Stato «in quanto contengono riferimenti alla politica estera e interna dell’Italia». La decisione sanciva, di fatto quanto già il governo guidato da Alcide De Gasperi aveva stabilito giusto sei anni prima, quando cioè i carabinieri si erano presentati a Villa Mirabella, a Gardone sul Garda, per farsi “consegnare” dai padroni di casa, i coniugi Cervis, le carte che Claretta aveva affidato loro prima di partire per Milano, a fine aprile 1945. In realtà la consegna fu “coatta” in quanto i carabinieri si erano presentati a colpo sicuro e si erano fatti consegnare quanto i Cervis avrebbero voluto continuare a nascondere fino al giorno in cui avessero potuto consegnare il tutto agli eredi di Claretta. Tra il giardino e il porticato vennero fuori tre piccole casse – ma forse una di quelle casse era in realtà una valigia – colme di carte. Lettere scambiate tra Mussolini e la Petacci, i diari della donna e una divisa del dittatore. Subito si sparse anche la voce che tra le carte ci fossero anche i diari, o parte di essi, di Mussolini dal 1921 al luglio 1943. Ma fu impossibile qualunque verifica perché, come già si è detto, il governo italiano dispose il segreto sulle operazioni di recupero. Villa Mirabella, posta nel complesso del Vittoriale dannunziano, era stata la seconda residenza di Claretta sul Garda. A differenza della precedente abitazione, Villa Fiordaliso, non era stata teatro di scene drammatiche come quelle che esamineremo tra poche righe ma anche tra quelle mura si era parlato di questioni importanti. E dal telefono di Villa Mirabella erano partite telefonate che, intercettate dai tedeschi al pari di varie lettere, ci dicono molto di quanto la Petacci sapeva e, soprattutto, faceva (…):
Claretta: «Mi permetti, dunque, di fare un paio di fotocopie?»
Mussolini: «Tu sai che volentieri te lo permetterei, ma sai anche ciò che temo».
Claretta: «Questo timore è infondato, conosco molto bene la persona, e il lavoro sarà fatto da lui personalmente».
Mussolini: «So anche questo, ma per ora non ti dò alcun permesso. Forse troverò io stesso una strada sicura».
Claretta: «Non devi essere così diffidente, c’è ancora gente fidata e seria».
Mussolini: «Non lo dubito, ma devi ancora attendere.
Claretta: «Sono un po' arrabbiata, ma come sempre ti perdono, quindi aspetterò».

La cosa stupefacente è che quella telefonata avvenne non più di due o tre mesi – molto probabilmente nel dicembre 1944 – dopo il rapido consumarsi di uno dei maggiori scandali della RSI. Uno scandalo datato 8 ottobre 1944 e ambientato nella prima residenza sul Garda dell’amante di Mussolini: era stato lo stesso dittatore ad ordinare al questore Emilio Bigazzi Capanni, capo della "Presidenziale", la squadra di agenti addetti alla persona del Duce, di andare a perquisire la casa di Claretta Petacci. Il fondato sospetto di Mussolini era che Claretta avesse fatto copie di sue lettere personali e avesse passato ai tedeschi gli originali. Ad ogni modo, quello che è certo è che la denuncia era partita da Donna Rachele, preoccupata che il marito si potesse compromettere politicamente «perché in quelle lettere sfoga i suoi risentimenti nei confronti dei tedeschi, rivela la verità sui colloqui con l’ambasciatore Rahn e il comandante delle Ss Wolff, fa capire di considerare un bluff l’insistenza di Hitler nel dichiarare che vincerà la guerra. Come si può essere tanto ingenui da lasciarsi andare a confessioni del genere, pur sapendo che la Petacci è controllata ora per ora dai tedeschi? Che è stato Wolff in persona a farla liberare dal carcere di Novara dopo l’otto settembre per ricondurla accanto al Duce, a Gardone? Che tutte le telefonate della signora passano attraverso il centralino della Gestapo? Che in casa sua, a Villa Fiordaliso, vive con lei, con la scusa di proteggerla, il tenente SS Franz Spoegler, agente dei servizi segreti nazisti? Come non sospettare che, sia pure in buona fede, la signora sia tenuta a ricambiare i favori e la protezione, accettando di fornire elementi di cui le si assicura che serviranno soltanto a tutelare il più possibile Mussolini nell'opinione del Führer, proprio grazie al "filtro" dell'affezionato Wolff ?
La "dritta" a Donna Rachele era arrivata da Nino Martini, un industriale romagnolo a lei fedele, che aveva un figlio nel comando del battaglione della Guardia del Duce. Il ragazzo era sveglio e aveva scoperto un traffico di documenti. E anche altro: «Martini sapeva anche altre cose, o credeva di saperle. Per esempio, che intorno alla Petacci c'era un giro di agenti segreti non solo tedeschi, ma anche Alleati. Sapeva che, fingendosi cameriere d'un ristorante di Torri del Benaco, agiva sul Garda una spia dell'OSS americano, tale Edward Como; che un certo Kurt Muller, tedesco, lavorava in realtà per conto dell'Intelligence service inglese; che un ufficiale italiano, Paolo Bernari, venuto dal Sud, si era infiltrato come telefonista a Gargnano».
Alle 9,30 dell’8 ottobre, Bigazzi, accompagnato da un commissario di Ps, da due agenti e dallo stesso Martini si recano a Villa Fiordaliso. La reazione della Petacci è furiosa tanto che arriva a minacciare con una pistola i presenti. Poi sviene. Nonostante l’atmosfera melodrammatica la realtà però si fa strada prepotentemente: le informazioni di Martini si rivelano infatti esatte. Durante la perquisizione saltano fuori 13 copie di lettere di Mussolini: una ventina di fogli in tutto e nessun originale. Nonostante le precedenti promesse di far arrestare "quella donna" «se mi porterete una sola copia», Mussolini di fronte all'evidenza non prenderà alcun provvedimento. Anzi, convocherà Martini per apostrofarlo duramente: «Dunque avevate ragione, e con ciò? Credete forse d’essere riuscito a fermare i carri armati di Alexander?». Dopo cinque giorni fece pace con l’amante. «Invece l'affare delle copie era serio – ha scritto Silvio Bertoldi - Sia perché confidenze private, rivelazioni, giudizi polemici di Mussolini venivano trasmessi a chi non avrebbe mai dovuto conoscerli, sia perché si mormorò che altre fotocopie avessero preso la via della Svizzera, probabilmente insieme con gli originali. E né allora, né poi, se ne è più saputo qualcosa».

La pace sul lago durò molto poco. Un paio di settimane in tutto. Quanto cioè separò la perquisizione di Bigazzi, ispirata da Donna Rachele, da un vero e proprio blitz della stessa signora Mussolini a Villa Fiordaliso. Di quella tragica serata, condita da pioggia battente, svenimenti, telefonate di un imbarazzato Mussolini, urla e comprimari (l’SS Spoegler, il ministro Buffarini Guidi, il solito Martini…) incapaci di metter pace tra le due donne, restano due versioni: quella riferita da Myriam Petacci, che raccolse a caldo le confidenze della sorella, e quella di Donna Rachele. Ovviamente, nelle rispettive versioni è sempre “l’altra” a fare la figura peggiore anche se non si può non notare che, a posteriori, i racconti di Donna Rachele siano venati da una certa pietà e compassione. Quello che in questa sede importa è però un’altra cosa. Un particolare confermato, nella sostanza, da entrambe le versioni e che, tra le altre cose, ci dice che Bigazzi non aveva frugato bene a Villa Fiordaliso. Secondo la versione Petacci, durante il litigio Claretta per dimostrare che Mussolini l’amava tirò fuori delle lettere che il dittatore le aveva scritto. Donna Rachele scattò: «Non le voglio vedere! Non m’interessano! Non voglio portarvi via niente! Tenetevele pure ché, tanto, vi pentirete, e si pentirà anche lui, perché un uomo che non rispetta la moglie…». Claretta ribatté che «il Duce ha sempre manifestato il massimo rispetto per voi, come madre dei suoi figli…» e il discorso prese un’altra direzione. In realtà, visto che da tempo Donna Rachele batteva sul tasto delle lettere che Claretta possedeva, duplicava e distribuiva, non sembra credibile che l’offerta della Petacci cadesse così rapidamente nel vuoto. Infatti, nella versione ribadita più volte nel dopoguerra dalla stessa consorte del dittatore, la scena è un po’ diversa: «Si sollevò lentamente dalla poltrona e scomparve su per le scale. Quando tornò, aveva fra le mani dei fogli bianchi arrotolati e me li tese dicendo: “Sono trentadue lettere. Me le ha mandate vostro marito”. Mi bastò un’occhiata: non erano lettere, erano solo copie dattiloscritte. Allora gridai: “Non voglio portarvi via niente, non è questo lo scopo della mia visita…”». Dunque Claretta non solo non distruggeva le lettere che Mussolini gli scriveva ma le copiava. O, peggio, le faceva copiare. Perché? Donna Rachele quella sera mostrò di sapere quello che l’amante del marito, apparentemente incline soprattutto ai pianti e ai mancamenti, faceva da chissà quanto tempo: «Allora, esasperata, le dissi che non potevo soffrire le donne che risolvono ogni problema con le lacrime e gli svenimenti e le rinfacciai molte cose: di aver fatto fotografare e messo al sicuro, in Svizzera e in Germania, alcune lettere delicatissime che mio marito le aveva scritto durante la loro lunga relazione (…); di avere permesso l’impianto di un cavo telefonico fra la nostra villa e la sua abitazione e infine di tenere contatti con persone poco raccomandabili. (…) Le dissi tutto: che ognuna delle telefonate che si scambiavano lei e Benito veniva registrata e il testo inviato in cinque copie ai comandi tedeschi. Che i servizi d’informazione inglese e americano facevano capo anche a lei per tenere Mussolini sotto controllo e che doveva diffidare di tutti…». A questo punto è difficile dubitare che Claretta, non si sa fino a che punto consapevole e consenziente, non fosse al centro di un complesso – o forse semplicemente tortuoso - gioco che, nella migliore tradizione della politica e dello spionaggio, prevedeva più ruoli e più livelli di impegno per uno stesso protagonista. Quello che sapeva Donna Rachele ovviamente lo sapeva anche Mussolini. Claretta, a quanto risulta, non fece sostanziali e decise obbiezioni alle accuse mossele. Abbiamo anche visto che effettivamente duplicava documenti di provenienza mussoliniana chiedendone a volte – come risulta dall’intercettazione telefonica – il permesso allo stesso Mussolini. Alla luce di quanto emerso non possiamo quindi non considerare a tutti gli effetti la Petacci come un giocatore di una partita la cui mano finale si sarebbe dovuta giocare sul Lago di Como, a fine aprile 1945.

Mussolini, sul finire della RSI si ritrovò, anche se non sappiamo fino a che punto lo aveva desiderato davvero, ad avere in Claretta un pezzo della sua strategia. Una tessera di cui comunque non si poteva più fare a meno, sia perché ormai era tardi e sia perché quella tessera ne se ne tirava regolarmente dietro un’altra, non meno ambigua e sicuramente meno disinteressata: Marcello Petacci. Non è forse un caso che sia stato proprio il segretario del P.F.R. Alessandro Pavolini a guidare la rivolta dei condannati a morte di Dongo (…) Dal suo punto di vista, l’odio di Pavolini verso Marcello Petacci (odio condiviso da molti altri gerarchi che magari intuivano quello che non sapevano) era ben indirizzato. Via via che la fine della RSI si avvicinava, Petacci aveva intensificato i suoi viaggi in Svizzera, l’ultimo dei quali era iniziato il 19 aprile ed era terminato il 23 aprile successivo, alla vigilia del crollo. In Svizzera Petacci, si ritiene, teneva i contatti con gli inglesi, forse con lo stesso sir John Clifford Norton, ambasciatore di Londra in territorio elvetico. E’ lui, probabilmente, l'oscuro regista dello strano girovagare di Mussolini, nella giornata del 26 aprile, su e giù per la sponda sinistra del lago di Como: Como, Menaggio, Grandola e poi ancora Menaggio. Che cercava Mussolini, ben attento ad aver con sé solo alcuni fidati gerarchi, deciso a non ascoltare i richiami di Pavolini che lo voleva tra i fascisti concentrati a Como e desideroso di scrollarsi di dosso la scorta tedesca che, con la scusa della sicurezza, ne condizionava i movimenti? Cercava un contatto con emissari inglesi, un contatto magari prospettato e organizzato da Marcello Petacci? E' una vecchia convinzione, messa nero su bianco già nel 1950, da Ferruccio Lanfranchi, il primo cronista che si sia interessato a fondo alle vicende di Dongo: «... Mussolini, dopo il colloquio con Petacci (il 26 aprile a Menaggio, nella casa del Federale Castelli, nda), si sarebbe indotto a scrivere, di suo pugno, una lettera al ministro Norton. Noi crediamo che questa lettera non sia stata distrutta. Quella lettera era stata scritta nella fiducia di poter contare su dichiarazioni fatte precedentemente da Churchill e, forse su impegni presi dal Premier britannico o su promesse di lui. Logico quindi che i documenti fossero affidati a colui che si era assunto il compito di intermediario sfidando, per salvare la vita a Mussolini (e quindi alla sorella, che sapeva votata alla stessa sorte) il disprezzo dei capi fascisti che non si erano tutti resi conto della fine inevitabile: Marcello Petacci. Ecco perché, considerandolo dal loro punto di vista un "traditore", per aver trattato con gli inglesi, i gerarchi condannati a morte dal colonnello Valerio chiesero di non essere fucilati con lui. Che il carteggio fosse tenuto da Marcello Petacci è ormai provato. Ma nessuno sinora ha fatto piena luce su questa vicenda, la quale conserva, anche per noi che pure abbiamo indagato con scrupolo alla ricerca della verità, parecchie lacune...». Forse l’unica pecca della ricostruzione di Lanfranchi sta nel fatto che quella lettera a Norton Mussolini non la scrisse il 26 aprile a Menaggio ma il giorno prima, nella prefettura di Milano.

Il sofisticato (o semplicemente contorto?) piano di salvezza organizzato da Mussolini prevedeva anche il coinvolgimento del segretario di prima classe del Consolato spagnolo di Milano, Don Fernando Canthal y Giron. Canthal incontrò varie volte Mussolini negli ultimi giorni alla prefettura di Milano: l'ultimo incontro fu proprio il 25 aprile poco prima del fallimento dell'incontro in Arcivescovado. Dietro a tutto ci sarebbe stato ancora Marcello Petacci che, quel mattino, chiede a Canthal asilo per la sua famiglia nel consolato di Spagna e con l'occasione domanda al diplomatico anche se «è disposto a portare un messaggio di Mussolini a Berna, all'ambasciatore inglese Norton. Lo spagnolo risponde che è pronto a compiere la sua delicata e importante missione di pace. Incoraggiato, Marcello Petacci lo invita ad andare con lui in prefettura: incontrano il Duce, che apprezza l’iniziativa e la collaborazione del console e prepara la lettera con la quale offre tra l'altro "la resa delle forze armate della Repubblica Sociale"». In questo senso va la testimonianza della compagna di Marcello, Zita Ritossa, ma il contenuto della conversazione è confermato, oltre che dal fatto che nelle tragiche ore di Dongo Petacci si qualificherà come diplomatico spagnolo con tanto di credenziali e bandiera sul cofano della propria auto, anche dal rapporto inviato dallo stesso Canthal il 6 maggio 1945 al suo ministero degli Esteri. Il tergiversare dei fascisti sul lago di Como può quindi essere messo in relazione con l’attesa spasmodica per i risultati della missione di Canthal. Al riguardo non è senza significato che, nel momento estremo, Mussolini abbia pensato di rivolgersi ad un inglese ed è altrettanto plausibile che, comunque sia, il passo successivo sarebbe stato un lungo esilio. Lo dimostrerebbe quel lasciapassare per la Spagna, ben piegato in una busta gialla del "Fascio Repubblicano Sociale di Dongo" (e questa busta, già da sola, sembra suggerire molte cose) trovato addosso a Mussolini, nella tasca posteriore dei suoi pantaloni, sul tavolo delle autopsie a Milano, il 30 aprile 1945. Quella busta venne trovata da uno dei medici presenti, il professor Pierluigi Cova che ricorda che il documento era datato 14 settembre 1944 ed era intestato a due coniugi di cui Cova non ricorda il cognome. Un ufficiale partigiano presente all’autopsia strappò di mano il foglio a Cova che non fece in tempo ad esaminarlo per bene. Ma quella busta del Fascio di Dongo può voler dire che forse quel documento cambiò di mano proprio nelle ultimissime ore di vita del dittatore visto che è impensabile che a Milano, in prefettura o al consolato di Spagna, qualcuno avesse provveduto a rinchiudere un simile documento in una busta intestata al Fascio repubblicano di uno sconosciuto paesino del comasco. E perché mai quel qualcuno consegnò un lasciapassare per la Spagna ad un Mussolini ormai solo, già prigioniero o sul punto di diventarlo? Infatti il particolare della busta fa propendere per la circostanza secondo la quale Mussolini non partì da Milano col documento in tasca ma lo ricevette sul Lago. (…)

Ma qualcosa Mussolini riuscì, in extremis, a mandarlo ugualmente in Spagna. Dovevano essere la stessa Claretta e probabilmente una copia di importanti documenti da mettere al sicuro. Invece la donna non obbedì alle sollecitazioni dell’amante e rimase a Milano, forse compromettendo così una parte dei piani di Mussolini per mettere al sicuro le sue carte. Al suo posto invece partirono i genitori, la sorella e il cognato di Claretta e poche altre persone (tra cui, sembra, il leader filo nazista belga, Leon Degrelle, capo del partito rexista) con un aereo Savoia-Marchetti S.83 con insegne croate decollato dall’aeroporto milanese di Linate all’alba del 23 aprile 1945. L’arrivo dell’aereo, nonostante l’atterraggio su una pista secondaria dell’aeroporto militare di Prat de Llobregat di Barcellona, fu subito notato dalle autorità diplomatiche del Regno d’Italia le quali subito si attivarono per chiedere agli spagnoli che «severe indagini fossero fatte sui beni e valute portate dalle persone in questione e soprattutto sui documenti che essi potevano aver trafugati in Italia». (…) Il sospetto che tra gli 80 bauli caricati a fatica sul Savoia-Marchetti ci fossero anche altri documenti oltre a queste lettere di Mussolini era diffuso in Spagna in quei giorni. Al punto che, poco dopo l’atterraggio, significativamente, si mosse anche l’ambasciata inglese a Madrid, la cui richiesta di sequestro dei beni dei passeggeri del velivolo cadde però nel vuoto. Era la fine di maggio del 1945: in quei giorni come si è visto la caccia ai documenti di Mussolini era già frenetica. E’ quindi così azzardato ipotizzare che, al pari del suo collega di Roma, anche l’ambasciatore inglese a Madrid non volesse lasciare nulla di intentato per cercare di recuperare carte e documenti di qualche interesse per Londra?

Il rifiuto di Claretta di volare in Spagna con i documenti che le sarebbero stati affidati fu probabilmente uno degli intoppi che il piano di Mussolini incontrò al momento finale. Fallite tutte le altre strade, Mussolini si vide costretto a sciogliere in extremis tutti i fili sul lago di Como: costeggiando la frontiera svizzera, ma senza mai avvicinarsi troppo, Mussolini ha tratto in inganno molti studiosi, convinti che stesse in realtà cercando il momento migliore per tentare l'espatrio. Invece era probabilmente qualcun altro che lo doveva raggiungere. (…) E’ molto probabile che Mussolini, il 26 aprile, attendesse, oltre alle camicie nere che gli aveva promesso Pavolini e che invece si stavano disperdendo nel caos di Como, qualche emissario con cui continuare la lunga trattativa dei mesi precedenti. Per farlo non aveva bisogno di Claretta, ovviamente. Ma forse erano i tedeschi a volere che la donna stesse con lui. E per farlo bastava assecondare la cocciuta determinazione della Petacci a stare vicino al suo Ben. In questo senso può essere letto un episodio poco noto ma illuminante. In un frangente in cui Mussolini cerca di seminare in tutti i modi i tedeschi (lo ha fatto lasciando la prefettura di Como, lo farà poche ore dopo sulla strada per Grandola), Claretta ha un modo decisamente singolare di presentarsi a Menaggio. All’entrata del paese un posto di blocco delle Brigate Nere la ferma e solo l’intervento del colonnello Casalinuovo può farla arrivare a una villa attigua alla caserma della Brigata Nera. Ancora una volta, a pochi metri da Mussolini che in quel momento, siamo nelle prime ore del mattino del 26 aprile, sta riposando nella casa del vice federale del paese, Paolo Emilio Castelli: «La donna arriva poco dopo Mussolini. Si presenta con due tedeschi alla sorella della padrona di casa, Cornelia Pezzara. “La signora deve dormire qua!”. Di fronte all’imposizione, alla donna non resta che replicare: “Si accomodi”. Due tedeschi controllano l’entrata principale e altri due quella secondaria, dall’altra parte della casa: ma lo fanno dall’interno, per non dare nell’occhio, mentre nel palazzotto di fronte stazionano in gran mostra gli uomini di Birzer». Poche ore più tardi, non invitata, Claretta raggiungerà col fratello e la famiglia di lui, anche Grandola, dove nel frattempo si è trasferito Mussolini con il grosso dei gerarchi. E, stando ai testimoni, il vederla di lontano non aiutò il Duce a mutare di umore, comprensibilmente pessimo in quelle ore.

Difficile dire che valore ebbe realmente la «carta Claretta» nel gioco dei tedeschi e in quello di Mussolini. Due giochi divergenti come dimostrerà la circostanza della salita di Mussolini sul camion tedesco per superare lo sbarramento partigiano di Dongo. «Quando arrivò il momento del distacco – ricorda l’attendente di Mussolini, Pietro Carradori – Gatti chiese: “Duce, devo venire con voi?”. E Mussolini rispose: “No, soltanto Carradori mi seguirà”. Ero in borghese, con un giubbone di pelle nera. Presi dall’autoblinda i due mitra, il mio e il suo, le due borse che mi aveva consegnato a Milano, in Prefettura, all’atto della partenza, e il pacco con dentro i cinque milioni di lire, e tenendo tutto ben stretto nel braccio destro, afferrai con la sinistra il parapetto del cassone del camion per issarmi a bordo. Fu Fallmeyer a strapparmi giù dalla ruota su cui avevo appoggiato il piede sinistro, gridando come un forsennato: “Nein! Nein!”. In quel momento vidi poco distante Giovanni, un maresciallo delle SS di origine altoatesina della scorta di Birzer che parlava perfettamente italiano e di cui ero amico. “Giovanni”, gli gridai, “diglielo tu a questo stronzo che è il Duce che mi vuole!”. Niente da fare. Il camion partì a tutto gas. Feci appena in tempo a lanciare oltre il parapetto del cassone le due borse. Soltanto quelle». E così, solo, con un pastrano troppo largo e lungo, con due borse di documenti (di cui una sola entrerà con lui, poco dopo, nel municipio di Dongo) Mussolini muove verso l'appuntamento col destino, circondato da tedeschi. Claretta, imperterrita e inconsapevole, dopo averlo incitato a seguire l’infido consiglio dei tedeschi, sarà ancora con lui di lì a poco (…).

Così come Claretta è morta perché sapeva è altrettanto vero che, ad un certo punto, il piano di salvezza che avrebbe dovuto portare Mussolini vivo e prigioniero lontano dal lago di Como comprese, contro ogni logica apparente, anche Claretta. Perché lei e non qualche ministro, come ad esempio il ministro degli Interni repubblicano, Paolo Zerbino, oppure quel Barracu che sappiamo aver partecipato a più di un colloquio con emissari stranieri durante la RSI? O il comunque noto e rappresentativo – oltre che odiato – Alessandro Pavolini? Oppure, perché non il colonnello Casalinuovo, aiutante di Mussolini e custode di tanti suoi segreti? No, alla fine, la notte tra il 27 e il 28 aprile 1945 si scelse di unire al dittatore una donna di cui pochi avevano sentito parlare e che probabilmente Mussolini non avrebbe mai scelto come compagna in quel frangente. Sia perché aveva cercato di allontanarla da sé più volte sia perché avrebbe dovuto coinvolgerla in situazioni pericolose sia, infine, perché a livello di immagine non ci avrebbe fatto una bella figura a trovarsi in mano al CLN o agli anglo-americani in compagnia della propria amante. Del resto, che una certa sorpresa abbia colto Mussolini nel momento in cui scoprì che era stato ricongiunto alla Petacci lo si ricava dallo scarno scambio di battute riportato dai testimoni:
- Anche voi, qui, signora?
- Preferisco così, Eccellenza.
Secondo quanto asserito per anni da lui stesso, fu «Pedro» a decidere di unire i due, dopo un lungo e drammatico colloquio con Claretta, nel municipio di Dongo, la sera del 27, mentre Mussolini è a Germasino. Secondo «Pedro» Mussolini, nella caserma della Finanza, gli avrebbe chiesto, in modo goffo e imbarazzato, di salutargli "quella signora" svelando così la presenza della Petacci tra i prigionieri della colonna. Tornato a Dongo Pedro avrebbe avuto quindi un lungo colloquio con una piagnucolosa Petacci, nel corso del quale lei gli avrebbe chiesto con insistenza di essere riunita al suo Ben. (…) Secondo Lazzaro invece il colloquio avrebbe avuto contenuti decisamente meno romantici con Pedro deciso a sapere tutto sui piani della coppia per contattare gli anglo-americani. La Petacci avrebbe cercato in tutti i modi di negare ma alla fine, di fronte alle minacce brutali di «Pedro», cede e confessa la presenza di una borsa di documenti tra le valige trasportate sull'auto del console spagnolo. «L'interrogatorio di Clara - osserva Zanella - ha come fine di scoprire dove siano nascosti i documenti che Mussolini deve offrire a Churchill per salvarsi la vita; e questo significa che chi ha rivelato a «Pedro» l’identità della donna sa bene che ella ha quei documenti o almeno ne conserva una copia. Facile quindi intendere che voglia impossessarsi di quei documenti». (…)

Non resta quindi che accentrare l’attenzione sulle mosse di Bellini delle Stelle “dopo” il colloquio con Claretta. Per prima cosa si reca (dicendo poi, quasi sicuramente mentendo, di essere stato chiamato) all’albergo Dongo per parlare con Marcello Petacci. Poi, subito dopo, decide di trasferire immediatamente Mussolini e la Petacci in un luogo segreto. E’ l'inizio di quello che da molti è stato interpretato come l'estremo tentativo dell'ala moderata e filo-alleata del movimento partigiano di portare in salvo i due prigionieri e, una volta trasferitili sull'altra sponda del lago, a Villa Cademartori, di consegnarli il prima possibile agli alleati. «Pedro», a Dongo, non era che il terminale di una catena che partiva da Milano, da Raffaele Cadorna, comandante del Comitato Volontari della Libertà (C.V.L.), il braccio armato della resistenza, e che aveva il più importante trait d'union nel colonnello Giovanni Sardagna, comandante C.V.L. di Como: «Io ricevetti - racconterà in seguito Sardagna - nella notte dal 27 al 28 aprile l'ordine del comando generale Volontari della Libertà di Milano (CGCVL) di portare Mussolini e gli altri a Milano o quanto meno a Como, al sicuro. Il trasporto non era facile per mancanza di mezzi e più ancora di scorta sicura, tuttavia presi gli accordi con il comandante della 52ma che lo aveva catturato; questi mi assicurò che avrebbe spedito il prigioniero, come infatti fece, per un tratto di strada, rientrando poi per sopraggiunge difficoltà». (…) A Moltrasio Mussolini e la Petacci non furono imbarcati su nessun motoscafo per raggiungere Villa Cademartori e invece, dopo una breve sosta, prese la via di Bonzanigo, per Casa De Maria da cui forse non uscì più vivo. La sorda lotta tra falchi e colombe all'interno del movimento partigiano si era risolta evidentemente con la vittoria dei primi. Più del moderato «Pedro», poterono i comunisti come Michele Moretti, «Pietro» e l’ambiguo Luigi Canali, il «capitano Neri» che, non a caso, l’avevano seguito-scortato da Dongo. E così la sorte di uomini e carte fu decisa. Con disappunto di qualcuno. Infatti il 10 maggio 1945 Churchill scrisse al Feldmaresciallo Alexander per chiedergli che venisse ordinata un’inchiesta sulla morte di Mussolini e, in particolare, sul perché fosse stata uccisa anche la Petacci. Il premier in quella lettera arrivò a definire l'azione del colonnello Valerio «proditoria e codarda». Perché Churchill se la prese così tanto? Forse davvero erano stati violati dei patti, impedita l’esecuzione di accordi presi in precedenza. O forse, più semplicemente, la soppressione repentina di Mussolini e della Petacci aveva tolto sì di mezzo due pericolosi testimoni ma aveva complicato terribilmente il recupero delle loro carte di cui, già dopo il loro arresto, era iniziata la diaspora (e la moltiplicazione per fotocopie) che abbiamo visto e che fece dannare i servizi segreti inglesi per molti anni.

Fabio Andriola


www.storiainrete.com

 

[Duce] [Fascismo] [Forum] [Chat] [Newsletter] [Scrivici] [Sfondi e Suonerie]
[
Storia] [Frasi e Motti] [Chi Siamo] [Personaggi] [Siti Amici] [Recensioni] [Sostieni Ilduce.net]


Copyright © 2001 - 2008 Giuseppe Minnella - Contatti: Info@ilduce.net -

Dichiarazione ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n. 62.
Questo sito non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare".
Gli aggiornamenti consistono in migliorie/approfondimenti a quanto già pubblicato